Dettagli d’arte

 

La notte s’avvicina. Installazione di Fabrizio Cicero.

L’ho fotografato così,  in bianco e nero.

dscf6596

e a colori mentre le luci si spengono.

dscf6594-001

dalla cartella stampa:                                                                                                                               Sette comete composte da lampadine a incandescenza atterrano al suolo, corrompono l’idillio festivo quasi giungendo a minare l’integrità fisica e spirituale dello spazio circostante. Mucchi di terra smossa emergono dal marmo divelto, le luci della festa invadono l’atmosfera densa di sacralità. Le comete, perturbazioni del moto costante dei cieli, perpetuano il proprio ruolo di  annunciare cambiamenti, catastrofici o salvifici come nella tradizione messianica. Stelle come fari proiettati nell’inconscio, emblema della lotta tra luce e tenebre, del conflitto tra spirito e materia. La loro luce è coscienza che rivela, manifesta, suscita l’immaginazione.

Nella Sala Santa Rita , Via Montanara (ad. Piazza Campitelli),Roma                             Curatrice: Lori Adragna                                                                                                                     ingresso gratuito fino al 17 dicembre

cartella stampa

riflesso

20140615_142725

resto fuori dalla teca che protegge l’ara pacis
il mio riflesso si nasconde tra le stratificazioni del tempo e dello spazio

presso la mia ara pacis , mai onorata,

non aspetterò oltre.

I stand  out of the glass case that protects the Ara Pacis
my reflection is hidden between the layers of time and space

At my Ara Pacis, never honored,

I will not wait for more.

L.

 

 

eros e morte

il Bacio di Auguste Rodin   e  la Morte (conosci te stesso-gnothi sauton )

 

dscf0828-002

“Mentre noi dunque beviamo, tutti compresi ed estatici davanti a quelle lussuosità, uno schiavo portò uno scheletro d’argento, costruito così che le sue giunture e vertebre snodate potessero piegarsi da ogni  parte.Avendolo buttato una volta o due sulla tavola e ogni volta quel mobile congegno assumendo posizioni diverse, Trimalcione commentò: <Ahi noi miseri , come è nulla l’intero omuncolo! Cosi saremo tutti, dopo che l’Orco ci avrà rapiti! Dunque viviamo finché possiamo ancora spassarcela!> ” Satyricon , Petronio