Senza Parole

dscf5024

Sto quasi per dirglielo.

 Da giorni.

Le parole si frantumano di fronte a quegli occhi che hanno fame di favole.

 Abbasso lo sguardo e dico qualcosa di inutile, corredato da un sorriso idiota.

E mi sento subito meglio,o forse no.

I’m about to tell her .

From days.

The words shatter in front of the eyes that are hungry for fairy tales.

I look down and say something useless with an stupid smile.

And I feel better immediately, or maybe not.

Advertisements

17 thoughts on “Senza Parole

    1. ti faccio un sorriso idiota.
      vero ma idiota.
      provo a raccogliere le parole sparse sul pavimento e a ricomporle. ho lasciato la finestra aperta e il vento le ha sparse ovunque.
      se ci riuscirò te le manderò. 🙂
      grazie

      Like

  1. Sono righe molto espressive, belle.
    Discorso a parte, mi fa sorridere l’atteggiamento adolescenziale. E se penso che al botteghino del cinema ti lasciano passare senza difficoltà a vedere i film vietati ai minori di anni 16… sorrido ancora di più.

    Like

    1. sei sicuro?
      ci crederesti che a cinema mi fanno lo sconto anziani anche se non ho ancora l’età senza chiedermi i documenti?
      scherzi a parte …..ma che dici??
      grazie per l’espressività.
      🙂
      ah….la foto l’hai vista? approfondisce il mio dire.

      Like

      1. La foto, certo che l’ho vista, ma ora con la tua precisazione invece di approfondire il tuo dire e di spiegare, mi pone il dubbio di essere incorso in un equivoco. Mi era parso che tu parlassi a un amore inconfessato (uomo o donna, non m’ero posta la domanda) non a una palla vagamente luminosa… :))))

        Like

        1. si, sei incappato in un errore.
          il mio mondo non ruota intorno all’amore.
          🙂
          una palla vagamente luminosa, oggi sei riduttivo.
          mi sorprendo di te.
          🙂

          Like

  2. vaga
    ogni parola (è) vaga
    si scioglie nell’onda sale
    e saliva
    oscura discente poi scende
    per bocche e per gole s’incorpora
    e sanguina
    senza luce il-
    lumina verbo e metafora
    allegorica stanza del vuoto
    è ciò che vogliamo sia d’ire
    il tracciato sospeso
    nel foglio ormai nero
    un coagulo fermo di assenze rappreso.

    Ciao.ferni

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s