forugh farrokhzad – perdonatela

Perdonatela,

perdonate se, alle volte, lei

dimentica il suo straziante legame

con le acque torbide e le cavità vuote

e stupidamente s’illude

di avere il diritto di esistere

Perdonatela,

perdonate l’inerte rancore di un ritratto

quando la voglia lontana di pulsare

si scioglie nei suoi occhi di carta

Perdonatela,

perdonatela quando il rosso fluire di luna

scivola lungo la sua bara

e i profumi inquieti della notte

agitano il sonno millenario del suo corpo

Perdonatela

perchè è frantumata nell’intimo

ma i suoi occhi bruciano ancora

dall’immagine degli atomi di luce

e i suoi capelli futili

tremano inconsolabili

ai penetranti respiri dell’amore

Oh voi abitanti delle semplici terre di felicità,

oh voi intimi amici

delle finestra spalancate nella pioggia

perdonatela,

perdonatela, perchè è assediata

perché le feconde radici della vostra vita

penetrano nel suo nostalgico terriccio

e con perfidi tocchi di invidia

gonfiano il suo ingenuo cuore

nell’angolo stretto del suo seno

f.farrokhzad

Advertisements

6 thoughts on “forugh farrokhzad – perdonatela

  1. …era frantumata nell'intimo, la grande signora della poesia, ma andava assolutamente perdonata e salvata.

    Grazie Lalla

    Like

  2. come è possibile perdonare chi in propria difesa ha il suo agire

    vorrei dirle di ribellarsi e gridare all'ingiustizia nella consapevolezza di avere il diritto di esistere.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s