improvvisa-mente: la mecca

una fervente cattolica in questi minuti si sta inginocchiando verso la mecca per ringraziare Dio di una sorpresa, che sta in una mia telefonata durata un’ora e che ha racchiuso 25 anni di vita, e ,di questi, tre di assoluto silenzio.la telefonata di una atea.

allahuakbar direbbe uno studente sufi di nostra comune conoscenza.grazie ha detto lei, rammaricandosi di non avere più tappeti su cui inginocchiarsi.ma questa è una delle tante storie che ognuno di noi si porta dentro.

se avessimo registrato la telefonata avremmo avuto una prima stesura di un a saga familiare e non solo, con un numero imprecisato di capitoli perchè quando si possiede un linguaggio comune bastano poche parole per spiegare tutto: fatti, emozioni, intenzioni e quisquiglie.

ci sono affetti profondi e veri che non possono essere scalfiti dalla polvere e dal nonsenso di cui è fatta la vita .

a volte basta sapere che quel linguaggio esiste ancora per avere il cuore in pace.

siamo i cuccioli dell’universo.

(kate e giu)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s